Image-empty-state.png
Image-empty-state.png

Sergio Gutiérrez

Sergio Gutiérrez nasce in Colombia, a Bogotá, nel 1975. Studia nella Scuola Italiana Leonardo Da Vinci nella stessa città. Dopo il diploma segue i suoi studi in Disegno Industriale e si interessa all’animazione. Decide di fare una ricerca sulle scuole italiane che insegnano disegno animato. Incontra la scuola di Urbino (ISA) e nel 2005 decide di viaggiare in Italia per frequentare il biennio di Perfezionamento in Cinema animato.
Nel trascorso del primo anno porta avanti il film El alma es la memoria, terminato nel 2006. Partecipa con questo cortometraggio a diversi festival di animazione.
Nel frattempo ha l’occasione di lavorare presso uno studio orafo in via Raffaello a Urbino (dal 2005 al 2007).
Nel 2007, continua la sua attività di disegnatore e pubblica nella rivista Lo Straniero di Goffredo Fofi alcuni disegni, successivamente partecipa insieme ad Andrea Petrucci e Magda Guidi al video per il dramma musicale L’ultima volta che vidi mio padre diretto da Chiara Guidi (Socìetas Raffaello Sanzio, 2009).
Collabora nel 2009 alla pubblicazione di Un colpo, libro edito da Altre Velocità.
Nel 2010 collabora per il libro Banchi di nebbia per Orecchio Acerbo Editore, con una raccolta di disegni e di copertine disegnate a mano dagli artisti.
Nel 2012 partecipa a Bogotà alla mostra di film d’animazione colombiani alla Galeria Santa Fe Maquinas para perder el tiempo y otros fotogramas.
Attualmente vive e lavora a Bogotá, dedicandosi al disegno e alla produzione orafa.

Goldsmith and graphic artist Sergio Gutierrez was born in Bogota, Colombia in 1975. He became interested in drawing while at the city’s Leonardo Da Vinci Italian School and went on to study industrial design and animation.
In 2005 he travelled to Italy to take a course in animation at the “Scuola del Libro” of Urbino, producing a short film in 2006, El Alma Es La Memoria, that was shown at numerous animation festivals in Italy and other European countries.
From 2005-2007 he also worked at a goldsmith's studio on Urbino’s Via Raffaello and continued to produce drawings and engravings, some of which appeared in Goffredo Fofi’s magazine Lo Straniero. The musical drama L’ultima volta che vidi mio padre, staged by the Raffaello Sanzio Societas theatre company in 2009, came out of his collaboration with Andrea Petrucci, Magda Guidi, and director Chiara Guidi. The same year he contributed to a book of theatre drawings, Un Colpo, edited by Altre Velocitá.
More of this drawings appeared in the 2010 book Banchi di Nebbia, published by Orecchio Acerbo.
In 2012 he participated in a Colombian animated film exhibition Santa Fe gallery in Bogota entitled Machines To Waste Time And Other Frames.
He lives in Bogota with his Italian wife, and combines drawing with working as a goldsmith.